Analecta monastica

11

Baán, Izsák Zsolt

I «due occhi dell'anima»

L'uso, l'interpretazione e il ruolo della Sacra Scrittura nell'insegnamento di Evagrio Pontico

I «due occhi dell'anima»

Nella tradizione teologico-spirituale del cristianesimo Evagrio Pontico senza dubbio ha un posto di rilievo fra i personaggi impegnati seriamente per creare un linguaggio che permetta di capire e comunicare in maniera nuova l’esperienza spirituale. Da alcuni decenni «nessuno può più dubitare che Evagrio sia uno dei nomi più importanti della storia della spiritualità, uno di quelli che non soltanto segnano una svolta decisiva, ma evocano un’autentica mutazione spirituale» (L. Bouyer). Nella sua dottrina troviamo in una sintesi originale e accattivante, l’insegnamento fondamentalmente biblico e sperimentale dei primi padri del deserto, idee di filosofia neoplatonica, di teologia cappadoce e uno sguardo psicologico acutissimo. Proponiamo qui uno studio dell’uso, dell’interpretazione e del ruolo della Bibbia nella dottrina di Evagrio Pontico. Che i monaci egiziani abbiano letto e interpretato la Parola di Dio è un dato di fatto confermato da tutte le fonti letterarie. Ma i testi evagriani lasciano intendere che il contesto monastico del deserto abbia prodotto un modo caratteristico di usare e di interpretare la Bibbia nelle varie fasi della vita spirituale così come loro la vivevano.

detail

09

López-Tello García (ed.), EduardoZorzi, Selene M. Benedetta

Church, Society and Monasticism

Acts of the International Symposium, Rome, May 31 – June 3, 2006

Church, Society and Monasticism

The present volume contains most of the papers given at the second international symposium which took place from 31st May to 3rd June 2006 in Rome at the Pontifical Athenaeum of Sant’Anselmo. The phenomenon of monasticism is not an alternative to the Church, nor even to society, but it does present its own autonomy, the fruit of the ecclesial vocation of the monk, as well as its contemporary presence in the world. What began life as a marginal movement and a prophetic and critical voice against a certain model of the Church which had become completely identified with the power-structures of its time, was almost immediately ratified by the Church herself as part of her existence in the world. An attempt has been made to understand the ‘today’ of the monastic vocation, and to be able to pinpoint its ‘tomorrow’ by reconsidering the nature of the relationship between the Church, the world, and monasticism in different periods throughout history. The vastness and extreme diversification of the monastic phenomenon has been divided into three major thematically-consistent sections: Western Monasticism; Eastern Monasticism; and Studies on the Rule of St Benedict.

detail