Sacramentum

15

Di Janni, Alberto

Ministero ordinato: Fondamenti cristologici di un dibattito

Accordi e dissensi nel dialogo tra la Chiesa cattolica e le comunità luterane, calviniste e anglicane

Ministero ordinato: Fondamenti cristologici di un dibattito

Il presente lavoro vuole approfondire il problema relativo alle differenti concezioni sul ministero peculiari della Chiesa Cattolica e delle comunità luterane, calviniste e anglicane, alla ricerca delle motivazioni profonde poste alla radice di un tale dissenso. Lo scontro e la separazione tra cattolici e protestanti, così come i successivi tentativi di dialogo e di riavvicinamento, si sono concentrati su problematiche essenzialmente soteriologiche ed ecclesiologiche, trascurando pressoché totalmente l’aspetto cristologico, considerato piuttosto come fattore di unione che non di divisione. Questo lavoro si propone di approfondire l’esame delle differenti sfumature e accentuazioni cristologiche, investigandone le possibili ricadute sulla concezione del ministero. Si tratta quindi di ribaltare in parte il problema, riconoscendo nelle diverse ecclesiologie non la causa, ma piuttosto l’effetto di un diverso ruolo del ministro nella Chiesa; diverso ruolo che a sua volta scaturirebbe dalle differenti prospettive cristologiche.

detail

14

Costanzo, Alessandra

Il trattato «De vera et falsa poenitentia»: verso una nuova confessione

Guida alla lettura, testo e traduzione

Il trattato «De vera et falsa poenitentia»: verso una nuova confessione

La ricerca storica e teologica sulla penitenza aveva da tempo individuato nel trattato De vera et falsa poenitentia, attribuito per molti secoli ad Agostino, uno dei testi chiave della tradizione dell’occidente cristiano, riconoscendone il valore di testimone decisivo di una grande svolta nella comprensione teologica e nella pratica pastorale del sacramento della penitenza. Ma fino ad ora lo studio più grande dedicato al testo era costituito da sole dieci pagine, scritte in Italia più di 50 anni fa. Questo volume viene finalmente a colmare tale lacuna, fornendo nello stesso tempo una minuziosa storia della elaborazione, del contenuto e della fortuna critica del testo, entrando nelle delicate questioni della attribuzione (a tre diversi autori) e della datazione (con tre diverse epoche di stesura). L’autrice fornisce anche la prima traduzione italiana integrale del trattato, che viene corredata da un considerevole apparato di appendici e di indici, affinché il testo possa entrare nell’uso di tutti gli storici della penitenza e del medioevo.

detail